L’insostenibile leggerezza dell’essere

Serve davvero leggere?

Serve davvero pensare?

Di cosa vivo se non riesco a vivere?

E’ confusione o semplice astinenza da affetto? Ma cos’è l’affetto?

L’affetto, l’amore…

Non ci si può rifugiare nell’amore per ricreare l’atmosfera di un calore abbandonato nel momento stesso in cui si è venuti al mondo. Quello no, non si può ricreare. Così come non si può costruire una felicità ad hoc. Il cuore frantumato quando quel cuore era stato pieno, così pieno da essere stato messo fuori uso, riempito fino all’orlo senza alcun riguardo e poi fatto incrinare pian piano, fino a farlo diventare una moltitudine di pezzettini, piccoli, infinitesimi e poi a scomparire per un bel pò di tempo.

Ma poi nel momento in cui riappare questo cuore, nel momento in cui saluta con una timida mano la sua presenza. In quel momento ecco che ti accorgi che non è più lo stesso, che deve fare uno sforzo immenso per credere, per battere come dovrebbe. Una volta batteva così bene, di una purezza così vera e così tangibile che sembra un sogno quel ricordo: il ricordo di una realtà, che diventa un sogno, una cosa che forse nemmeno esiste e che soffoca il passato veramente esistito.

Perché bisogna prendersi cura del proprio cuore, non si può aprire a chiunque… “Dai, vieni, entra! Qui c’è posto per tutti!” No, non può funzionare così. Il cuore che può amare non è per tutti. Perché c’è chi non se lo merita. C’è la falsità umana che non è giusto che abbia un posto in quel cuore. Troppi compromessi. Troppe cose che vengono interpretate a piacere per evitare di capire il vero senso delle cose e poi stare male. Troppi compromessi a vivere nel mondo reale, ché poi appena hai più tempo per tenere gli occhi aperti, capisci che non ti appartiene affatto. Bisognerebbe tornare indietro. Bisognerebbe tornare a quel calore, a quell’amore vero quello con la A maiuscola. L’Amore, quello che era cosa perché generò un essere in grado di dare e di provare amore. L’altro non è amore. L’altro è desiderio di possesso. Non esiste amore senza il dolore della generazione. Non esiste amore per l’essere umano che costruisce e non genera. Quello non è amore e non lo sarà mai… l’amore esiste solo nell’istante in cui è vita. Poi vola via e non è più amore, poi non esiste più. E per quel poco tempo in cui ti accorgi di avere un cuore, per quell’istante così piccolo che non è ancora diventato noia e ordinarietà, vale forse la pena di soffrire così tanto? Va forse costruito un amore?

Un amore va generato, non va capito.

Perché se lo capisci non è amore.

Perché se tenti di capire, l’amore non esiste.

Perché se rimani legato ai ricordi di un istante che è diventato amore, in quei ricordi muori e muore la definizione di amore. Perché amare non è artificiale. Perché amare è animale. E’ necessità di protezione e volontà di elevazione. Ed è più forte dell’uomo stesso, è più forte del desiderio di costruirlo: perché non si costruisce. E ha mille forme. E c’è chi può farlo l’amore: ma non tutti possono. Perché l’amore non è umano, è animale. E chi è troppo umano non sarà mai in grado di amare, ma solo di illudersi e di illudere. Non esiste amore senza la terra. Ché poi la passione svanisce, perché è costruita e non generata. E poi? La passione svanisce e sempre svanirà, come la vita delle persone e prima della loro morte. E se tarderà a svanire, sarà soltanto un’illusione, un Lazy Eye che vuole cercare di vedere ma che è troppo pigro per farlo, e si coccola di una pura e artificiale illusione per non guardare la realtà dritta negli occhi. Ma quella realtà ognuno di noi la guarderà prima o poi nell’infinito delle stelle. I’ve been waiting I’ve been waiting for this moment all my life but it’s not quite right.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: