Vacanze di classe

Tutti dovrebbero essere forniti di un finale differente.

Bene: tutto ciò che accade cancella gli errori dal vocabolario.

La zeta non è l’ultima lettera, è una lettera.

Brian Molko sorpassa la linea della sessualità, imponendo la democrazia dei sessi.

Non c’è respiro, ma palpitazione.

Non ragionamento, delirio. Hai capito bene: delirio. L’uscita dal solco. E quindi delirare per ottenere la libertà. Ma perché non l’ho capito prima? Avrei capito prima degli altri che sarei stato più libero degli altri. Delirare non è parola inflazionata ma non compresa. La gente si guarderebbe bene dall’utilizzarla se la capisse. Le parole sono insiemi mortali di lettere. Sono coltelli fatti di lettere. Le sillabe sono la sega che recide la carne e lascia uscire lo scarlatto piacere, che lo trasmuta in anima, lo fa finalmente vivere. Anche se la gente, le parole non le capisce.

Vivere: coraggio. Accettazione degli accadimenti.

Ibiza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: