Un contenitore di pompelmi

Il problema è amare.

E ce lo ripetiamo spesso, confondendolo col sesso, confondendolo con le armonie condivise.
Divise, dovreste essere tutte quante. Temo che avrò di nuovo da ridire al mio me stesso che riposa e che aspetta una sposa, ma chi è? Chi è che riposa?

Ah, ma sono io quello che sta in silenzio ad ascoltare me stesso oppure
sono io quello che sta in silenzio ad ascoltare me stesso oppure…?

Remo contro le distorsioni dei pensieri, oggi più di ieri. I tempi sono maturi per soffrire, ma mai troppo maturi per far soffrire. I resti di un’incognita scritta su un foglio sono peggio di uno schiaffo, forte diretto contro una guancia morbida e in attesa di un bacio.
Io mi chiedo perché e poi mi accorgo che non c’è un solo foglio, ma ci sono tanti fogli, tante incognite.
Temo che la saggezza sia legata direttamente a quei fogli e a tutte le tue incertezze: vecchiaia scandita dai colpi di una penna che non sei tu a far scrivere, ma che si mette da sola a sporcare i fogli di incognite.

I tempi sono molteplici, ci sembrano molteplici ma sono un tempo solo: il presente.
Mente chi ti parla di passato e di futuro perché mette la maschera a qualcosa che vive e muore nel momento stesso in cui esiste.
Isteria diffusa tra la gente che vede il proprio meccanismo di duplicazione, fallire di continuo e sempre più spesso.
So per certo che quel bianco che scandisce i ritmi della “saggezza” è per tanti un modo di sentirsi fortunatamente diversi; immersi in un presente (il loro) che parla una lingua più adatta all’immediatezza e a ciò che va colto senza essere cólto.

Tolto dal contesto sembrerebbe di fare un discorso privo di logica, ma una logica ce l’ha anche fuori dal contesto, te lo garantisco io che conto come un pallottoliere senza pallottole colorate e non.

Ontologia di un istante che si attesta come unico elemento necessario: istante, significante ed esistenza, suo significato. Totale incomprensione dell’universo fatto diverso da ciò che si guarda con i sensi.

Pensi che fossi partito dall’amore per parlare dell’amore e invece parlo del presente e mi dimentico d’amare.
Arenato su un dubbio filosofico, penso che tra il significante ed il significato ci sia un tramite, un collegamento imprescindibile che è proprio il tema di un matto.
Tosto svelo l’arcano: ma è l’amore certo che collega!

Galvanizzato da questa scoperta (tanto parlo per me stesso) so che non mi importa il sesso, non mi importa una sposa, non mi importa la rosa a una sposa, non mi importa conquistare per poi perdere: resta la confusione ma mai l’angoscia di aver fatto male per alimentare il male.
Lesto, ti svelo il mistero: rovisto tra le mie membrane cerebrali e ci trovo il mistero svelato. La tovaglia sulla quale poggia la mia coscienza è una superficie multicolore che sembra bianca ma che cambia di frequenza così come cambiano i tempi presenti.

Ti ricordi? Vivi di nuovo un istante dei tuoi tanti istanti? Non c’è passato: stai vivendo sempre QUESTO istante. E’ questo il mistero svelato. E’ questo il motivo per cui quella tovaglia cambia forma e colore. E se sopra ci sei tu, cambi colore e puoi cadere, ricomparire dal nulla e sparire di nuovo. O affollata o priva di qualsiasi forma di vita.

Tanta è la dimensione del “mistero”.

Eroe nel mistero, che poi… cosa vuol dire eroe?

E avrei preferito non risolvere il mistero e avrei preferito vivere senza cogliere tutto ciò che colgo di notte. Testimone del fatto che non è colpa mia se voglio capire, ma è colpa di tutto ciò che di notte da sogno si trasforma ogni volta in una realtà che non vorrei neanche sapere. E resiste ai miei tentativi di essere libero. Libro già scritto: ecco il mistero che chiama!

Amare è creare collegamenti.

Menti se non ti sei mai domandato: come si fa a uccidere il tempo? Poi trovi la risposta in una passeggiata fra cose di casa insieme a un dubbio provocante: “col pendolo”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: