Silenziare

Bussana Vecchia

Bussana Vecchia

Sei capace di autoripararti dopo esserti fatto male?
Vorresti essere capace di ritornare al tuo stato iniziale, ma non ci riesci. E soprattutto ti chiedi: qual è il tuo stato iniziale?

Chissà se anche noi, come esseri umani, per come siamo fatti, siamo in grado di ritornare al nostro stato iniziale (sebbene prima dobbiamo definirlo) oppure ci comportiamo come un oggetto che sottoposto ad uno sforzo eccessivo (qui il nostro sforzo potrebbe essere spirituale) ci riporta non più ad uno stato iniziale, ma ad un nuovo stato (iniziale).

Non riesci a tornare al tuo stato iniziale, perché non puoi. Questo, probabilmente, è ciò che dovremmo imparare prima di forzare noi stessi ad essere il nostro passato. Dovremmo essere in grado di riconoscere lo “stato iniziale” come un evento, e, come tale, evitare di duplicarlo perché portatore di sforzi inutili. Dobbiamo imparare a scrivere i nostri nuovi stati iniziali perché è lì che torneremo dopo esserci fatti male (o dopo che qualcuno ce l’ha fatto).

Insomma una perturbazione ci ha allontanati dal nostro stato iniziale e noi vogliamo tornarci. Più questa è forte, più, probabilmente, ci costringerà ad un nuovo stato molto distante da quello precedente. Eppure, capire il meccanismo della nostra tendenza all’equilibrio è ciò che ci permette di vivere qualunque perturbazione come l’opportunità di imparare, crescere, in una parola: vivere.
Capire questo meccanismo ci permette di ricostruire noi stessi con la nostra sensibilità e ci evita lo spiacevole inconveniente di perdere la nostra umanità (state bene attenti a definirla bene l’umanità!).

Vorrei essere immerso in circostanze avverse. Vorrei nuotare in fauste circostanze. Vorrei mettermi alla prova e vedere, se, nonostante tutto, sono in grado di lasciarmi trasportare così bene dalle alterazioni per ridare il giusto slancio alla mia esistenza, raggiungendo equilibri migliori attraverso l’isteresi (o dovrei forse più propriamente parlare d’isterismo?).

Mi sento istintivo. Mi sento affettivo. Mi sento cognitivo.
Mi sento istintivo perché onnipotente. È perché sento che nessuna circostanza avversa riesce, nonostante tutto, a farmi cadere, e trovo sempre un nuovo slancio per raggiungere addirittura proiezioni di me stesso che non ho mai sperimentato.
Mi sento affettivo perché ho il senso dei valori. È la maturazione affettiva che mi fa sentire non il bersaglio della cattiva sorte ma il genio poietico della mia ombra.
Mi sento cognitivo perché sono cosciente delle mie capacità razionali. Nel momento in cui qualcosa di apparentemente irrazionale mi si prospetta, faccio diventare quel mostro, un peluche.

La vita ha un sinonimo che adesso non ricordo.

Annunci

One response to this post.

  1. Fresca di esame, un concetto che mi hai richiamato, la SUPERCOMPENSAZIONE. È interessante, da’ un’occhiata > http://www.my-personaltrainer.it/fisiologia/supercompensazione.html

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: